News

Alcol, aumenta il consumo fra gli italiani

Roma, 01 giugno 2017 – “L’alcoldipendenza è un fenomeno che continua a necessitare di grande attenzione per le implicazioni sanitarie e sociali che ne derivano”. E’ questa la premessa dell’ultima Relazione sugli interventi realizzati nel 2016 in materia di alcol e problemi correlati, del Ministero della Salute trasmessa al Parlamento nelle scorse settimane. Secondo gli ultimi dati dell’ISTAT nel corso del 2015 il 64,5% degli italiani di 11 anni e più (pari a 35 milioni e 64 mila persone) ha consumato almeno una bevanda alcolica, con prevalenza notevolmente maggiore tra i maschi (77,9%) rispetto alle femmine (52,0%). Rispetto al 2014 si registra un incremento dei consumi: nel 2014, infatti, ha consumato almeno una bevanda alcolica il 63% degli italiani di 11 anni e più (pari a 34 milioni e 319 mila persone). Nel 2015 inoltre si registra una sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente dei consumatori giornalieri, mentre continuano a crescere i consumatori fuori pasto (nel 2013 erano il 25,8%, nel 2014 erano il 26,9%, nel 2015 risultano il 27,9%). “Questi numeri dimostrano chiaramente come questo vizio sia in crescita – afferma il prof. Carmine Pinto presidente nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) -. L’alcol è una sostanza pericolosa che può comportare tanti problemi alla salute ed è anche cancerogena. E’ dimostrato come queste bevande aumentano il rischio di cancro del cavo orale, della faringe, dell’esofago e della laringe. È inoltre fortemente correlato anche all’insorgenza di tumore del fegato e dell’intestino (in entrambi i sessi) e della mammella nelle donne. E’ quindi necessario moderare il consumo mentre l’assunzione è assolutamente sconsigliata prima dei 15 anni. Un organismo così giovane non è in grado di digerirlo in maniera efficace”.

 

« torna alle news
CONTENUTI AREA RISERVATA